L’analisi dell’attività onirica secondo l’approccio cognitivo - neuropsicologico

E-mail Stampa PDF
AddThis

L’analisi dell’attività onirica secondo l’approccio cognitivo - neuropsicologico.Un’analisi fenomenologica del sogno apre il quadro delle indagini scientifiche sull’attività onirica e consente a differenti discipline di integrare le rispettive conoscenze empiriche. A partire da una visione fenomenologica ed ermeneutica dell’essere umano (essere-nel-mondo),  cercheremo di delineare alcuni aspetti della struttura onirica, facendo dialogare tra loro alcune evidenze sull’argomento che provengono sia dalle scienze umane, sia dalle neuroscienze.

Fenomenologia del sogno

Sognare è un modo di essere-nel-mondo, quindi il comportamento vigile e l’attività onirica non sono due ambiti ontologici differenti, bensì due diversi modi di essere-nel-mondo (Heidegger, 2000). Nel sogno la persona mantiene un’identità specifica con se stessa (ipseità), e si riconosce come la stessa persona della veglia. Parimenti, il contenuto onirico riflette coerentemente i modi di essere-nel-mondo del sognatore. Questa affermazione è supportata da due ordini di evidenze, rispettivamente di tipo ontologico e scientifico.

Dal punto di vista ontologico vale quanto sopra accennato circa il mantenimento dell’ipseità (identità preriflessiva con se stessi che accade ogni volta). Riconoscersi come se stessi nel corso del sogno implica che al di là dell’assurdità o della sgradevolezza del nostro agire onirico, permane quella fondamentale componente di appartenenza a sé dell’esperienza (ipseità). Se così non fosse l’attività onirica risulterebbe fenomenologicamente indistinguibile dalla visione di un film.

L’indagine scientifica non può che confermare questa impostazione di fondo. Ad esempio, le persone che in seguito a una lesione cerebrale sviluppano una cecità per i volti tendono a non sognare più i volti (Solms, 2000; 1997). Inoltre, esiste una correlazione significativa tra i temi e i sentimenti prevalenti nel corso della veglia e quelli che occorrono nell’attività onirica. Quali sono però le differenze tra questi due modi di essere-nel-mondo?

La differenza tra i comportamenti onirici e quelli della veglia non consegue ai differenti stati di coscienza e/o alla neurofisiologia dell’organismo. La neurofisiologia dell’organismo è una delle condizioni di possibilità affinché si possa essere vigili, dormire o sognare, ma non istituisce questi differenti modi di essere-nel-mondo. Proprio perché l’essere umano è costitutivamente un essere-nel-mondo, la coscienza può svelare questa o quella specifica apertura di mondo nella quale l’essere umano ogni volta insiste. Proprio perché siamo in una specifica apertura di mondo – ogni volta – un certo tipo di attività organismica può consentirci di sentirla e di esserne coscienti (Liccione, 2012; Allegri et al., 2011; Petesi et al., 2011; Liccione et al., 2009).

Certamente, un organismo che ha smesso di funzionare non coglierà più alcuna apertura di mondo, ma nessuna attività biologica organismica può mai creare un’apertura di mondo, né istituirla. Bisogna essere in principio presso le cose, in un’apertura di mondo, e poi possiamo averne questa o quella forma di coscienza del nostro esistere in quella apertura (Liccione, 2012; 2011).

La differenza fondamentale tra essere-nel-modo del sogno ed essere-nel-modo della veglia è riconducibile al fatto che mentre nel secondo caso la persona è carnalmente presso le cose e quindi l’esperienza accade anche nei limiti della specifica apertura di mondo che ella ogni volta abita, nel primo caso l’esperienza è perlopiù slegata dalla coerenza interna che caratterizza la struttura intenzionale del nostro essere-nel-mondo. Inoltre, il sogno non è un fenomeno storico, e quindi non prevede quell’insieme di necessarie corrispondenze che legano i nostri accadimenti esistenziali.

Essere presso le cose nel modo della veglia e del sogno

Essere carnalmente presso le cose significa essere aperti alle possibilità d’azione e di passione del mondo ambiente che noi ogni volta abitiamo. Queste possibilità d’azione non sono soggettive, nel senso che dimorano nella testa o nelle braccia di un soggetto, ma sono appunto un insieme di aperture di azioni tra loro strutturalmente coerenti. Nessuno può passare attraverso il muro per uscire di casa, così come nessuno può trasferirsi da Torino a Milano in una frazione di secondo.

Allo stesso modo siccome i significati delle parole sono le possibilità d’azione che esse indicano in un mondo (il significato della parola computer è perlopiù l’esplicitazione dell’uso che si fa di questo strumento), e poiché il significato emerge sempre da una rete coerente di rimandi dotata di una sua storica consistenza interna, quando siamo presso le cose nel modo d’essere della veglia, gli oggetti, le parole e quindi i significati ci si impongono secondo una coerenza che prescinde perlopiù dalle nostre attribuzioni di senso. Nel modo di essere onirico, mancando questa presenza carnale presso le cose, possono venire meno sia la coerenza interna delle possibilità d’azione di quella specifica apertura di mondo che ogni volta viviamo, sia il senso e il significato di queste possibilità d’azione.

Il sogno non è un fenomeno storico

Ogni sognare è un essere-nel-mondo e può avere in sé una certa storia, ma chi sogna non dispone di una possibilità di ritorno nella stessa cosa onirica. Si sogna l’uguale ma non lo si sogna ulteriormente (Heidegger, 2000, pag. 323). Gli accadimenti della vita vigile si caratterizzano per la loro essenziale storicità. Così, l’evento «falciare il prato di casa» diciamo essere il medesimo evento il lunedì mattina e il martedì mattina. Medesimo non vuol dire identico, vuol dire che martedì mattina posso continuare l’attività di falciare il prato che non avevo concluso il giorno prima. Nei sogni non vi è mai un ritorno al medesimo, al massimo può esserci un ritorno all’uguale, come nei sogni stereotipi.

Il sogno dell’altra notte non è mai la prosecuzione storica del sogno di due notti addietro! Ogni sogno è una storia a sé, sebbene risulti possibile sognare l’uguale, ad esempio sognare più volte lo stesso tema, ma sempre in sogni diversi. I sogni lucidi, proprio per la loro differenza strutturale rispetto all’attività onirica, possono collocarsi in una via di mezzo rispetto al ritorno al medesimo e all’uguale.

Appunti neuroscientifici

La neuroscienza cognitiva, indagando i correlati neurali dell’attività onirica, ha prodotto diverse conferme empiriche al quadro teorico sopra delineato, con particolare riferimento alla diminuzione di «presenza» presso le cose che caratterizza il nostro essere-nel-mondo (Liccione, 2012; Allegri et al, 2011). Ad esempio, i report onirici sono ricchi di percezioni visive (colori, figure geometriche, volti ecc.), e molto poveri di sensazioni tattili, gustative e di odori. Anche il dolore e il piacere fisico appaiono poco frequenti (Hobson, 2009; 1988).

Allo stesso modo, le capacità riflessive che caratterizzano la possibilità di riconfigurare l’esperienza nel corso della veglia, e quindi accordano all’individuo la possibilità di sviluppare e mantenere l’identità narrativa appaiono molto fragili e superficiali (Hobson, 2000). Infine, la presenza di bassi livelli d’integrazione esperienziale e narrativa è confermata dall’ipoattivazione delle aree cerebrali deputate alla organizzazione temporale dei ricordi (es.: corteccia pre-frontale, vedi: Maquet et al., 1996; Nofzinger et al., 1997; Braun et al., 1998; 1997).

La comprensione dell’attività onirica

L’appartenenza del sogno al mondo della veglia implica che nessun significato onirico può manifestarsi «oltre» e «in assenza» della storia di vita del sognatore. In altri termini, nessuna spiegazione causale o motivazionale dell’attività onirica può essere possibile se si prescinde dalla specifica storia di vita che l’ha generata. Questo è un presupposto pre-teorico, ossia vale per qualunque teoria scientifica con la quale si voglia comprendere il comportamento onirico.

Inoltre, non è necessario ipotizzare che l’attività onirica possieda qualche valore psicologico specifico per utilizzare il sogno nell’attività clinica. La variabile fondamentale che fa del sogno un comportamento psicologicamente significativo è l’impatto emotivo che esso genera nel sognatore. In quest’ottica, solo alcuni sogni «dicono» qualcosa e ha quindi senso analizzarli in psicoterapia.

Sulle modalità di analisi del sogno ci permettiamo di rimandare a Liccione (2005); si tratta di un contributo che pur essendo stato scritto alla luce di un superato background costruttivista, presenta delle strategie di intervento sull’analisi onirica del tutto assimilabili con l’attuale sfondo ermeneutico-fenomenologico della teoria cognitiva neuropsicologica (Liccione, 2011).

Prof. Davide Liccione
Università degli Studi di Pavia, Scuola Lombarda di Psicoterapia

Dott. Diego Liccione
Università degli Studi di Pavia, Scuola Lombarda di Psicoterapia, IPRA di Roma

Dott. Nicola Allegri
Università degli Studi di Pavia, Scuola Lombarda di Psicoterapia

Riferimenti Bibliografici

  1. Allegri, N., Caserio, V., Maffeis, E., Ricevuti, G., Govoni, S., Vecchi, T. and Liccione, D. (2011). A narrative review on assessment of pain in dementia patients. European Journal of Pain Supplements, 5: 507.
  2.  Braun, A.R. et al. (1997) Regional cerebral blood flow throughout the 
sleep-wake cycle. An H2(15)O PET study. Brain 120, 1173–1197.
  3.  Braun, A.R. et al. (1998) Dissociated pattern of activity in visual 
cortices and their projections during human rapid eye movement 
sleep. Science 279, 91–95.
  4. Heidegger (2000). Seminari di Zollikon. Guida Editore: Napoli.
  5. Hobson, J.A. (1988) The Dreaming Brain, Basic Books.

  6. Hobson, J.A. (2009) REM sleep and dreaming: towards a theory of protoconsciousness. Nat. Rev. Neurosci. 10, 803–813).
  7. Hobson, J.A. et al. (2000) Dreaming and the brain: toward a cognitive 
neuroscience of conscious states. Behav. Brain Sci. 23, 793–842.
  8. Liccione D. (2004) Le racconto le vite che ho costruito l’altra notte. In: Rezzonico G., Liccione D. (2004). L’uso dell’attività onirica in psicoterapia cognitiva. Bollati Boringhieri, Torino.
  9. Liccione D. (2011). Psicoterapia Cognitiva Neuropsicologica. Bollati Boringhieri, Torino.
  10. Liccione D.(2012). Casi Clinici in Psicoterapia Cognitiva Neuropsicologica. Libreriauniversitaria Editore, Limena (PD).
  11. Liccione D. (2012). Il cervello qualitativo. Brainfactor. Vol. 4, Issue: 1, Pages/record No. 017. ISSN: 20357109.
  12. Liccione D., Busseti J., Liccione Di., Pazzaglia R., Sartirana S., Allegri N. (2009). Empathy, Outwardness and empathy personal distress: a pilot study. Enactive Intersubjectivity, ISBN: 978-88-6101-005-5.
  13. Maquet, P. et al. (1996) Functional neuroanatomy of human rapid- 
eye-movement sleep and dreaming. Nature 383, 163–166.
  14. Nofzinger, E.A. et al. (1997) Forebrain activation in REM sleep: an 
FDG PET study. Brain Res. 770, 192–201.
  15. Petesi, M., Brambilla, M., Caserio, V., Allegri, N., Vecchi, T. and Liccione, D. (2011). The role of non pharmacological intervention in the treatment of neuropathic pain and depression: A review. European Journal of Pain Supplements, 5: 509.
  16. Solms, M. (1997) The Neuropsychology of Dreaming: A Clinico-Anatomical Study, Lawrence Erlbaum Associates.
  17. Solms, M. (2000) Dreaming and REM sleep are controlled by different brain mechanisms. Behav. Brain Sci. 23, 843–850.
Ultimo aggiornamento Venerdì 28 Settembre 2012 23:39  

Alzheimer: diagnosi precoce con reti neurali artificiali; il nuovo libro di Marco Mozzoni.La popolazione invecchia e quest’anno saranno 35 milioni i malati di Alzheimer nel mondo. Una cifra di molto superiore alle previsioni, tanto da far parlare Lancet Neurology di "sfida globale del XXI secolo". Sul tema della diagnosi precoce di questa complessa malattia neurodegenerativa è in questi giorni in libreria, fresco di stampa, "Alzheimer: come diagnosticarlo precocemente con le reti neurali artificiali" (Franco Angeli Edizioni, 2010).

 

BRAINFACTOR - TESTATA SCIENTIFICA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI MILANO
N. 538 DEL 18/9/2008 - DIRETTORE RESPONSABILE: MARCO MOZZONI - ISSN 2035-7109

COPYRIGHT © 2013 BRAINFACTOR Cervello e Neuroscienze - Tutti i diritti riservati

Ricerca personalizzata
Banner

 

- - - - - - - - - - - - - - PUBBLICITA' - - - - - - - - - - - - - -

TESTATA REGISTRATA

ISSN 2035-7109 - TESTATA REGISTR. TRIBUNALE MILANO N. 538 18/9/2008 Direttore Responsabile Marco Mozzoni - Colophon - Lab Uni Bicocca

Redazione

REDAZIONE DI ROMA
Viale dei SS Pietro e Paolo 25
00144 ROMA EUR
redazione@brainfactor.it

BrainFactor in CiteFactor

BFJ indexed

BrainFactor Journal è una rivista scientifica indicizzata in Google Scholar.
BrainFactor Journal è una rivista scientifica indicizzata nella Directory of Open Access Journals DOAJ.
BrainFactor Journal indicizzato in Doaj e in Google Scholar
ANNO 2013
Vol 5 Issue 4 - "Disagio"
Vol 5 Issue 3 - "Neuroetica"
Vol 5 Issue 2 - "Morale"
Vol 5 Issue 1 - "Legge professioni"
ANNO 2012
Vol 4 Issue 5
Vol 4 Issue 4 - "Sinp 2012" (Lab)
Vol 4 Issue 3
Vol 4 Issue 2 - "Neuroni specchio"
Vol 4 Issue 1 - "Alfabeto cervello"
ANNO 2011
Vol 3 Issue 2 - "Integrazionale"
Vol 3 Issue 1 - "Agenda cervello"

PARTNER

Brain Awareness Week 2013 - Dana Foundation Partner

Dana Foundation
BAW 2013 Partner

Università di Verona - Infinitamente 2014

Università di Verona
Infinitamente 2014

European Commission - European Researcher's Night 2009 - Associated Event

European Commission
ERN Associated Event

B.R.A.I.N. Basic Research And Integrative Neuroscience - Università di Trieste

Università di Trieste
Centre for Neuroscience

Provincia di Milano - Imprese Creative

Provincia di Milano
Imprese Creative

B Connect !

B CONNECT! Stai connesso! Entra nella piattaforma collaborativa...

© Copyright

BrainFactor (ISSN 2035-7109) è una Testata giornalistica scientifica registrata al Tribunale di Milano al N. 538 del 18/9/2008. Direttore Responsabile: Marco Mozzoni. E' consentito riprodurre articoli di BrainFactor esclusivamente alle seguenti condizioni: indicando la testata BrainFactor, il titolo dell'articolo, il nome dell'autore, il link attivo alla pagina di brainfactor.it su cui è pubblicato; senza alcuna modifica. Oppure usando l'apposito servizio di feed automatici. Salvo diverse indicazioni più restrittive di Copyright indicate in calce ai rispettivi articoli e/o pagine della Testata. Attenzione: ogni abuso sarà perseguito nei termini di Legge.

Creative Commons License


Università degli Studi di Milano Bicocca - Laboratorio di Comunicazione Giornalistica (Marco Mozzoni)

Inside...

BF 24 All News

Ci stiamo preparando...
Corso di Ipnosi Integrazionale.
Scuola Filosofica www.scuolafilosofica.com
Integrational Mind Labs
GIALLO CRIMINALE
BAW 2012
Brain Awareness Week 2012: "L'Alfabeto del Cervello" BrainFactor, SIN, DNTB, Dana

Agenda Cervello

Mozzoni M, Giladrini A (a cura di), L'Agenda del Cervello, con prefazione del Prof. Antonio Federico, Presidente della Società Italiana di Neurologia (SIN), BrainFactor Publishing, Milano 2011
MINDset 2011
Milano 28 Ottobre 2011, ore 18:00 alla Casa della Cultura Via Borgogna 3 - MM San Babila Presentazione del libro: FENOMENOLOGIA DELLA SCOPERTA
Milano 28 Ottobre 2011, ore 18:00 alla Casa della Cultura Via Borgogna 3 - MM San Babila Presentazione del libro: FENOMENOLOGIA DELLA SCOPERTA

Le interviste

Parlano i protagonisti: Montalcini, Bentivoglio, Umiltà, Caramazza, Gallese, Vallortigara, Jacob, Pascolo, Boella, Franzini, Turatto, Sartori, Pietrini, Berlucchi, Soddu, Massimini, ...

Parlano i protagonisti:
Levi-Montalcini, Bentivoglio, Umiltà, Caramazza, Gallese, Vallortigara, Jacob, Pascolo, Boella, Franzini, Turatto, Sartori, Pietrini, Berlucchi, Soddu, Massimini, Bonfanti, Stracciari, Da Re, Pizzolato...

BRAINFACTOR Research © 2013

SHARE


BRAINFACTOR - TESTATA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI MILANO N. 538 DEL 18/9/2008 - ISSN 2035-7109 - DIRETTORE RESPONSABILE: MARCO MOZZONI